domenica 19 aprile 2009

La voce del silenzio



Sono mesi che ogni notte mi viene a trovare in sogno mio padre. Forse è per questo che la mattina non vorrei mai alzarmi.
Questa canzone mi ha sempre fatto pensare a lui, anche quando c'era ancora e come ogni figlia ci discutevo, ci litigavo, cercavo lo scontro, lo contrastavo perchè credevo non mi lasciasse spiccare il volo.
Non ho rimorsi ne rimpianti, ma solo una grande mancanza che il tempo non riesce a colmare.
Scusate il post così personale, è una domenica piovosa e triste e a volte la nostalgia sale anche quando vorremmo tenerla a bada.

21 commenti:

  1. Capitano i momenti così e possono anche durare tanto.Bisogna solo cullarsi nei ricordi con la consapevolezza che ci terranno compagnia sempre .
    buon pomeriggio
    Mk

    RispondiElimina
  2. Sono queste le occasioni in cui ci si conosce meglio, è bello leggerle e capire che a volte si ha bisogno di esporle. Un abbraccio, magari poi ti racconto la mia vicenda.

    RispondiElimina
  3. Be', condivido con te un po' della tua nostalgia.. Ciao

    RispondiElimina
  4. Hai ragione Moky, ci sono ricordi che bisogna tenersi sempre vicino per non rischiare che sbiadiscano. Un abbraccio

    Grazie Gians.
    E quando vuoi e hai voglia di raccontarla, mi farebbe piacere conoscerla.

    Luciano, è bello ogni tanto sotterrare l'ascia di guerra. Un bacio

    RispondiElimina
  5. medita partenze20 aprile 2009 10:55

    sogno raramente i miei, ma quando accade è sempre un bel momento di struggimento e di sentimento vero..

    RispondiElimina
  6. tutta la mia solidarietà e partecipazione
    un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Hai scritto parole che scuotono l'anima. Capisco che vorresti fermare quella nostalgia, ma anche se ti fa star male in quei momenti, tu vivila; il ricordo di lui é quasi come averlo sempre accanto.

    Ti abbraccio
    Daniele

    RispondiElimina
  8. oggi è lunedì..
    ne avevamo già parlato io e te di queste cose ti ricordi?
    nessuno più di me può capirti ed io continuo a sognare,lui mi guida...
    ciauz.
    eSp.

    RispondiElimina
  9. Che dirti, amica mia, se non che ti comprendo e provo ad esserti vicina come posso?
    Abbiamo un modo formidabile per fare in modo che i nostri cari andati via rimangano sempre con noi: conservarne il ricordo con amore e gratitudine.
    Un abbraccio forte forte.

    RispondiElimina
  10. Non prego più come facevo una volta, anzi, ora prego di ritornare a pregare ma se c'è una certezza che mi è rimasta dentro, è la convinzione che gli angeli esistono e sono, nella maggior parte dei casi i nostri cari che non ci sono più.
    Io ( non ridere ti prego) una volta pensando che i miei cari avessero da proteggere più urgentemente altri e non me, mi misi a pregare un angelo magari disoccupato, che non aveva sulla terra nessuno da proteggere ed aiutare, un angelo in attesa di trovare qualcuno da aiutare....disoccupato appunto.
    l'altra notte invece, forse (ho sognato) di avere accanto mio nonno che appoggiava la sua guancia sulla mia....(mi ero addormentata piangendo). Non l'avevo mai sognato prima ed è stato meraviglioso.
    Ti abbraccio
    Bluewitch

    RispondiElimina
  11. cara Efesto, la nostalgia è tanto bella quanto struggente! Capisco perfettamente certe giornate un pò così.......
    ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
  12. Davvero grazie a tutti, non vi commento uno per uno perchè altrimenti non riuscirei a trattenere i lacrimoni.
    ...........

    RispondiElimina
  13. Anche a me capita abbastanza spesso di sognare i miei carissimi genitori: la mamma che non c'è più da tantissimi anni ed il babbo perduto da pochi. Entrambi rimasti nel mio cuore e sognati con nostalgia.
    Un abbraccio.
    Fioredicampo

    RispondiElimina
  14. ;) lo farò, non so quando ma lo farò.

    RispondiElimina
  15. non so che dire.
    i nostri cari ci sono sempre, sempre vicini. ti abbraccio.
    forte.

    RispondiElimina
  16. adoro questa canzone.
    e quello che scrivi è così vero..

    baci cara

    RispondiElimina
  17. Il ricordo ci fa sentire accanto i nostri cari...E' molto bello questo post così intimo e delicato.
    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  18. Non essere triste Efesto quelli che ci lasciano non muoiono perchè vivono in chi resta e li ha amati..
    Ciao
    Julia

    RispondiElimina
  19. ps, se vuoi una mano per il template fammi un fischio. :)

    RispondiElimina
  20. Efestì sta piovendo?e Muso comm sta?:)
    Salutamm:)
    Mk

    RispondiElimina