mercoledì 10 giugno 2009

Saturno contro


Avevo visto questo film al cinema quando è uscito, forse un paio di anni fa, probabilmente qualcuno in più, non mi ricordo. Stasera ho fatto un po' di zapping e l'ho ritrovato su canale 5. Mi sono fermata a guardarlo di nuovo. A distanza di tempo le emozioni sono state esattamente le stesse: la consapevolezza che qualunque cosa ti accada nella vita avere degli amici intorno ti consente di non sprofondare.
Allora la mia vita era diversa, e avevo un'amica che mi era stata vicina nei momenti difficili dei miei precedenti anni. Avevamo affrontato insieme il suo divorzio, le mie varie peripezie sentimentali, le solitudini, lo studio, i concorsi, i primi lavori, le trasferte nei posti più improbabili, la morte dei nostri padri.
Quando ho visto la prima volta questo film avevo la consapevolezza di non avere molti amici, e quelli su cui credevo di poter contare erano davvero pochi. Ero convinta però che quell'amica in particolare fosse una certezza nella mia vita. E invece è scomparsa da circa un anno, così, senza neanche una ragione, senza darmi una spiegazione, senza neanche accusarmi di aver fatto qualche atroce errore da dover espiare. E' sparita così, proprio come un uomo quando decide di lasciarti, senza il coraggio di darti neanche un motivo che ti consenta di rassegnarti alla perdita. Anzi, è ancora più difficile, perchè di un'amica ti fidavi incondizionatamente, le avevi raccontato quello che non avresti confidato neanche a te stessa. E' un tradimento difficile da digerire.
Dall'eremo all'outing, bel salto, non c'è che dire!

21 commenti:

  1. Ho capito le hai soffiato il fidanzato :)) scherzo per sdrammatizzare, un'idea dell'amicizia l'avrei, ed è in genere quella tra donne la trovo sempre parecchio in bilico. ;)

    RispondiElimina
  2. Gians, pensa che ci si conosceva da 14 anni (e non eravamo amiche di scuola ne di università!!!). Non solo non le ho rubato il fidanzato - abbiamo avuto sempre gusti incompatibili in fatto di uomini - ma è sparita proprio dopo che si è fidanzata. E non è la prima: anni fa anche un'altra amica si è data alla macchia dopo aver trovato il principe grigio.
    Non sarà che non piaccio ai loro uomini???

    RispondiElimina
  3. Avrei voluto dire qualcosa di questo film anch'io.
    L'abbiamo visto esattamente due anni e due mesi fa, Efesto. Tu con la tua amica, io da sola al cinema, com'è stato per lungo tempo. Dopo che il mio "amante" mi aveva annunciato che sua moglie aspettava un figlio. Ed è vero che eravamo in crisi da tempo, ma certe mazzate fra capo e collo ti lasciano per terra a lungo.
    Stasera l'ho rivisto, e ho rivissuto le stesse sensazioni di due anni fa.
    La tua amica mi lascia perplessa, anche se non posso dire di essere stata molto fortunata nemmeno in amicizia.
    Sai perchè, Efesto? Perchè davo tutta m stessa. Oggi sono un'altra persona, ed è meglio così, anche se sono diventata cinica e solitaria.
    Ma tu hai provato a chiederle spiegazioni mettendola in un angolo?
    Un abbraccio solidale.

    RispondiElimina
  4. Principe grigio è un'espressione bellissima. :-)

    RispondiElimina
  5. Scusa magari non posso permettermi e ti autorizzo a cancellare questo mio commento ma devo dirlo; che stronza! (la tua ex amica ovviamente).

    RispondiElimina
  6. PS; soprattutto perché doveva dirti la ragione. Anche fosse stata banale, ingiusta ma almeno saperla per capire, farsi una ragione.

    RispondiElimina
  7. Credo sia tipico delle donne, e questo lo trovo un grave errore, concedersi anima e corpo all'uomo che si ama e tralasciare le amicizie, ma questa è una ovvietà, l'ho sempre riscontrata in tutte le donne del mondo, mia madre compresa.

    RispondiElimina
  8. Le amiche di sempre le ho perse quasi tutte anch'io.. La mia lontananza e il loro aver messo su famiglia ci ha allontanate quasi irrimediabilmente.. I saluti a Natale e poco più. Riesco invece a mantenere vive le amicizie nuove e lontane (vedi gli amici turchi, una giovane donna romana frequentata solo per un anno e amica di penna, come si diceva, da otto..)
    Cara Efesto forse l'amicizia è solo un nome, come disse Napoleone..
    :-)
    Julia

    RispondiElimina
  9. ci sarà sotto qualche invidia, magari piacevi a uno che piaceva a lei, mah, gli uomini sono più prevedibili nel bene e nel male, ho provato a vedere sto film l'altra sera ma le gonadi si sono messe a scricchilare e non ce l'ho fatta, sti film di hozpetek mi sembrano dei polpettoni sentimentali, i miei scarni appetiti intellettuali cerco di soddisfarli con i libri, nel ciema cerco sempre di più passione, coinvolgimento, grandi trasporti... i transformers per esempio, ciao

    RispondiElimina
  10. Bisla, in realtà per metterla in un angolo dovrei essere incazzata e non delusa.
    Pensa che il giorno di Pasqua dal suo cellulare sono partite parecchie telefonate verso il mio. Ho risposto più volte, si sentivano voci di sottofondo ma niente di più. Avevo sperato che si fosse decisa a rompere il silenzio, invece non era così. Le ho mandato un sms del seguente tenore (l'ho conservato): "Attenta, ti stanno partendo chiamate non volute. Peccato, per un momento ho creduto che non avessi sbagliato. Comunque buona pasqua, spero tu sia serena."
    Mi aspettavo quanto meno una risposta, avrei preferito un "brutta stronza con te non ci parlo" al silenzio. Allora forse avrei reagito mettendola davvero all'angolo. Invece nulla.
    Eppure, come si dice, gliel'ho servita su un piatto d'argento!

    RispondiElimina
  11. Daniele, te lo puoi permettere, quando ce vo' ce vo', come dicono dalle mie parti.
    Trovo ingiusto il fatto che si butti via un rapporto che ho sempre ritenuto sincero e profondo senza neanche una parola. Forse in qualche modo l'ho offesa senza rendermene conto, me se me l'avesse detto avrei potuto spiegarle che non ne avevo l'intenzione. Invece così mi resta il dubbio.
    Peccato davvero :(

    RispondiElimina
  12. Gians caro, credo che sia una tara incisa nel dna femminile. Ma pure voi maschietti mica scherzate!!!!!!

    RispondiElimina
  13. Cara Julia, credo da sempre che l'amicizia vera non abbia bisogno di quotidianità ma di affinità. Eppure in certi momenti quanto mi manca una chiacchierata di fronte ad un bicchiere di gewurztraminer (era il nostro preferito!)
    Un bacio

    RispondiElimina
  14. IMPO! E' uscito un nuovo film dei transformers e io non lo sapevo??????

    RispondiElimina
  15. medita partenze13 giugno 2009 07:01

    volevo dire qualcosa, ma quoto integralmente il commento di Julia che, nelle dovute differenze, coincide con la mia esperienza e, probabilmente, il mio futuro.
    Futuro che, libero dai pesi del passato, può essere anche molto più produttivo, no?
    baci solidali :))

    RispondiElimina
  16. Alcuni dalla gonnelle materne non si staccano mai, mia madre, conoscendo bene il rischio, m'allontanava sempre e il più possibile, credimi, ho imparato la lezione fin da piccolo. :)

    RispondiElimina
  17. Ammetto di essere fortunata in amicizia, grosse delusioni non ne ho avute e conservo le vecchie grandi amicizie che combino con le nuove che crescono di anno in anno.Fatico a trovare il tempo per tutti, ma fino ad oggi continuo a coltivarle con affetto e pazienza..in compenso pero'ho una sfiga proverbiale con gli amori...ti abbraccio

    RispondiElimina
  18. Anche io sono stata abbandonata da una amica. Lei era davvero importante, ero sola a Londra e lei è stata tutta la mia famiglia per 3 lunghi anni. Ora il silenzio, senza un perchè o la benchè minima spiegazione. Il tempo ci ha divise, la lontananza ci ha distaccato. Cose che capitano ... ma fanno male!

    Clelia

    RispondiElimina
  19. ehhh, ma qui servono le parole del tutor: l'amicizia come l'amore, va manutenzionata. anch'io ne ho perse diverse, ma quelle care, quelle di sempre, ci sono sempre...e so che posso contarci, così come loro con me!
    buona domenica, cara!

    RispondiElimina
  20. umf mi sa che stai recitando, non sei appassionata di film pum pum pum, non ci credo, troppo sensibile e intimista, io invece sono wrestler dentro, per immedesimarmi meglio, mi schizzo tutto di ketchup quando li guardo, ciao

    RispondiElimina
  21. carissima ti capisco, eccome se ti capisco. eravamo tre amiche splendide, splendida amicizia. una è diventata un'altra persona. per fortuna me n'è rimasta una. lontane sì ma unite come sempre. ogni tanto ti chiedi perché e non trovi risposta. e gli uomini non c'entrano.

    RispondiElimina