venerdì 1 maggio 2009

riflessioni sull'amore

L’incostante

Gli occhi mi corsero
dietro una bruna che passava.

Era di madreperla nera,
era d'uva scura,
e mi sferzò il sangue
con la sua coda di fuoco.

Dietro tutte
vado.

Passò una chiara bionda
come una pianta d'oro
dondolando i suoi doni.
E la mia bocca andò
come in un'onda
scaricando sul suo seno
lampi di sangue.

Dietro tutte vado.

Ma a te, senza muovermi,
senza vederti, te distante,
vanno il mio sangue e i miei baci,
bruna e chiara mia,
alta e piccola mia,
ampia e sottile mia,
mia brutta, mia bellezza,
fatta di tutto l'oro
e di tutto l'argento,
fatta di tutto il frumento
e di tutta la terra,
fatta di tutta l'acqua
delle onde marine,
fatta per le mie braccia,
fatta per i miei baci,
fatta per l'anima mia."

(Pablo Neruda, da "I versi del Capitano")

In fondo cosa chiedere di più, se non essere la favorita dell’Harem?

21 commenti:

  1. Gran filacchione Neruda. Dopotutto era un maschio, no?
    :-|

    RispondiElimina
  2. Neruda era un bel tipo...
    Io preferisco la costanza.
    Quindi adatterei: Unica e sola fatta per l'anima mia.. :-)
    Buon weekend Efesto

    Bello il post Kaos..
    Ciao
    Julia

    RispondiElimina
  3. ciao efestì e non riflettere troppo!
    buona domenica.

    RispondiElimina
  4. Lo sapevo che in te si nascondeva una convinta berluskiana :)..

    RispondiElimina
  5. Bisla, altro che filacchone, era un bel figlio di .... e poi metteva li 2 parole ordinate bene e si assicurava la possibilità di fare quello che voleva. I maschi affabulatori sono una specie rara ma pericolosissima.
    buona domenica

    Ciao Gians :)

    Julia, hai detto bene, la costanza. Qualità sempre più rara e sicuramente poco di moda.
    Mi fa piacere che ti sia piaciuto Kaos.
    Un bacio

    RispondiElimina
  6. Ciao Fly, buona domenica anche a te!;)

    Esco bella, forse è meglio se smetto altrimenti mi incarto :)

    Lucià,ognuno di noi ha in se il bene e il male.....
    ;)

    RispondiElimina
  7. Vero... però, accidenti alle riflessioni. E chiamale riflessioni, quelle.. :))

    RispondiElimina
  8. I maschi affabulatori sono di una brutta specie: ne avevo sposato persino uno.
    Ma adesso ho un fucile alla finestra, ed io sono dietro il fucile.
    :-)
    Un bacione.

    RispondiElimina
  9. Cercherà di stare alla larga da certe finestre. :))

    RispondiElimina
  10. Trova pure qualche poesia che parla di qualche ragazzetto timido, vergine e inesperto che si invaghisce di una bella fanciulla...Insomma Neruda è roba trita e ritrita...E' la storia dei figli di puttana e degli affabulatori ancora di più...Forse è bene che la donna italiana si svecchi da ancestrali luoghi comuni, dallo schema della crocerossina che salva il dannato e si riproponga in una luce più moderna, di donna che manteine il contatto con la realtà come altre nella vecchia Europa...E poi non ci lamentiamo che in Italia non si sposa più nessuno...Serve una vera rivoluzione culturale che riporti la semplicità al centro dei rapporti e sradichi questo imperante maschilismo che gli uomini sono incapaci di cambiare per atavica ritrosia e che le donne contrinuiscono a mantenere con la loro ancestrale e passiva voglia di farsi penetrare nell'anima e non solo da chi non merita...Bye,
    Francesco, distratto lettore

    RispondiElimina
  11. posso porgere un vaffanculo a neruda?
    vecchia storia questa efestina.
    hai notato come gli uomini si sono defilati dal discorso? il mio è stato il primo. d'altronde lui è il re degli affabulatori..me tapina. :D

    un caro saluto a francesco :)

    RispondiElimina
  12. E forse noi non ci innamoriamo sempre degli affabulatori?...mi piace il post anche neruda e anche l'immagine...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  13. una pesia che brilla di onestà intellettuale

    RispondiElimina
  14. medita partenze4 maggio 2009 14:42

    toglierei la "in" dal titolo :)

    RispondiElimina
  15. Su dai, e dove mettiamo tutte le poesie di Pablo dedicate alle sue tante donne....ops! la donna volevo dire la donna! va beh non é difendibile LOL!

    RispondiElimina
  16. Ma ci hai la sindrome della Veronica?sei stata quoque tu plagiata?:))In tal caso,mi presenti papi?:DDDD
    Abbraccio
    mk

    RispondiElimina
  17. Wow... è l'unico suono che le mie corde vocali sono state capaci di emettere dopo avere letto il tuo post... ari-wow!

    RispondiElimina
  18. Efesto, te l'ho scritto anche da me. Visto che riparti, vorrei qui, durante la tua assenza, la santa effigie de Le Muso, debitamente acconciato. ;-)
    Un bacio e divertiti!!

    RispondiElimina