domenica 16 giugno 2013

Risvegli


A volte la vita ti sorprende
e dopo un interminabile silenzio
sale alla labbra un vagito
flebile, timido, insicuro
un monosillabo
non ha un senso compiuto
ha perso memoria di sé
eppure è ancora vivo
sotto la coltre di polvere
in cui è stato costretto
da un implacabile censore.

8 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie!!!! Ora l'importante è restare ;)

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un gtadito ritorno sigillato da parole che toccano l'anima e conciliano con la scrittura

      Elimina
    2. Grazie Daniele, non potevo ricevere un incoraggiamento migliore.

      Elimina
  3. Resta!..anche se per caso...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anonimo,
      anche se preferirei sapere chi sei....

      Elimina
  4. Ahahahaha....il giorno che lo scoprirò...............

    RispondiElimina