venerdì 15 aprile 2016

A volte ritornano.... !



Ci vogliono convincere che non abbiamo più diritti. Che siamo degli ingrati se cerchiamo di alzare la testa. C’è chi non ha lavoro, chi non ha una casa o rischia di perderla perché non può pagare il mutuo, chi non ha cibo, chi emigra, chi scappa dalla guerra, chi difende con le unghie e con i denti la propria vita e quella delle persone che ama. In tutto questo, tu che hai un lavoro hai il coraggio di rivendicare diritti? Devi solo ringraziare il padrone che alla fine del mese il tuo stipendio ti viene accreditato in banca. Vuoi anche rivendicare la possibilità di svolgerlo con dignità? Con lealtà e onesta? Hanno sovrapposto artatamente i piani del discorso per poter confondere le idee e innescare il conflitto sociale: tu sei privilegiato e quindi non puoi parlare, i problemi sono ben altri. E per affrontare le emergenze sono tutti d’accordo, i diritti sono un peso, pensiamo alla carità che ci consente di avere solo gratitudine. E per il resto usiamo la distrazione di massa, usiamo la televisione per fare terrorismo sul cibo ammalato, sulla carne alla brace cancerogena. L’importante è dare il messaggio che nessuno ha più il diritto di rivendicare la sua dignità, è tutto solo una graziosa concessione. 

1 commento:

  1. Ciao Efesto, sono capitata per caso, cercavo i blog che leggevo un tempo...era bello sapere che c'e erano tante persone bellissime intorno a me...
    spero vada tutto bene, un abbraccio fly

    RispondiElimina